Anno 2020, Roma, elezioni. Dopo tanti anni, un uomo si reca alle urne convinto, stavolta, di poter fare la differenza. Tuttavia, il sistema elettronico di voto sembra remargli contro, ostinandosi a registrare il suo voto per l’altra coalizione. Tutta colpa – o merito – di iVote, il software che sa tutto di te (o tutto quello che gli permetti di sapere) e grazie al quale non sono più possibili brogli elettorali… Ma a che prezzo? Per poter riallineare il proprio profilo nel sistema, l’uomo dovrà rinunciare a qualsiasi forma di privacy.

Pin It on Pinterest